L'Archivio

::  Consulta l'elenco dei testi presenti nella biblioteca >>


L’Archivio dispone di una biblioteca, di una fototeca e di una raccolta di documenti, in parte originali e in parte in trascrizione, in riproduzione fotostatica o digitalizzati.

La biblioteca della sede di Milano, con indirizzo specialistico nel campo dell’arte moderna, è particolarmente fornita per quanto riguarda l’ambito specifico degli studi promossi ed è in continua espansione. Il catalogo è consultabile on line mentre la consultazione dei libri e l’eventuale prestito sono riservati ai soci. Una seconda biblioteca, specializzata soprattutto su de Chirico e Savinio, ha sede a Berlino (l’accesso e la consultazione, anche su richiesta via mail, sono riservati ai soci).

La raccolta documentaria, consultabile dai soci e anch’essa in continua espansione, comprende la copia o la trascrizione di tutti i documenti che è stato finora possibile reperire relativi alla storia e alle vicende dei protagonisti principali del movimento artistico denominato Arte Metafisica.
Sono, tra l’altro, disponibili: copia di tutta le lettere finora conosciute di Giorgio de Chirico dal 1909 al 1941; copia dell’ Archivio Léonce Rosenberg relativo a de Chirico e Savinio (corrispondenza e fotografie); copia dei documenti relativi a de Chirico e Savinio conservati nell’Archivio Paul Guillaume; copia dei documenti relativi a de Chirico conservati nell’Archivio della Albert C. Barnes Foundation di Merion (PA) (ivi compresa la corrispondenza con Pierre Matisse e altri mercanti); copia delle corrispondenze relative a de Chirico dei mercanti Alfred Flechtheim, Julien Levy, Pierre Matisse, Germain Seligmann (ancora da completare); copia digitale dei testi di Alberto Savinio pubblicati su “La Stampa” tra il 1933 e i 1942 e non compresi

 

nelle raccolte già edite; copia del carteggio tra de Chirico e la Reid & Lefevre Galleries  di Londra (1937-1939);  copia dei più importanti documenti relativi a de Chirico conservati nei Soby Papers presso il MOMA di  New York; copia della corrispondenza di Giovanni Scheiwiller con Giorgio de Chirico, Isabella Pakszwer, Giuseppe Lo Duca, e altri conservata nell’ Archivio Scheiwiller presso il Centro APICE, Università di Milano; copia di gran parte del carteggio tra Carlo Belli e Gino e Peppino Ghiringhelli (documenti relativi a de Chirico) conservato nell’ Archivio Belli presso il MART di Rovereto; copia di oltre 500 lettere e manoscritti di de Chirico relativi agli anni 1962 - 1968 provenienti da un archivio privato romano.

La fototeca della sede di Milano, attualmente in fase di riordino, comprende una vastissima documentazione, a colori e in b.n., dell’opera di de Chirico e Savinio, oltre a un’ampia selezione di fotografie di opere di Balla, Boccioni, Carrà, Severini, Morandi  e dei maggiori artisti del XX secolo.
A Berlino ha sede una seconda fototeca nella quale sono schedate, divise per soggetti e in ordine cronologico, circa 8.000 opere di de Chirico o a lui attribuite, nonché opere di Savinio e di altri artisti della cerchia surrealista e metafisica.  Accesso alle fototeche e relative informazioni sono riservati ai soci.  

L’intera attività dell’Archivio è decisa e regolata dal Consiglio Scientifico. Per il momento sono stati varati alcuni studi monografici di cui si darà di volta in volta notizia in questo sito (alla voce Pubblicazioni).